Una panoramica utile sui diritti del cittadino sottoposto a verifica fiscale

La verifica fiscale, è senza dubbio un momento estremamente delicato che mette a dura prova il contribuente, soprattutto per la sensazione di impotenza che spesso prova di fronte un’invasione a 360° nella propria vita, documentazione e attività di qualunque genere. Per vigilare infatti sui corretti adempimenti degli obblighi fiscali, queste verifiche possono essere molto “invadenti”, meticolose e durare non poco tempo, ma proprio per questo vi è lo Statuto del contribuente, che ha il compito di tutelarlo il più possibile.

Maggiore trasparenza con lo Statuto del Contribuente

Sicuramente tra Amministrazione Finanziaria e cittadino dovrebbe esserci la massima collaborazione e buona fede, ma può capitare di trovarsi di fronte atteggiamenti irregolari da entrambe le parti, e quindi come può agire in questo caso il cittadino? Prima di tutto il Contribuente può e deve segnalare qualunque anomalia al Direttore dell’Ufficio che ha autorizzato la verifica, o alla Direzione Regionale delle Entrate o la competente Autorità Giudiziaria. Ma per regolare il tutto in maniera più precisa e chiara, il 01/08/2000 è entrato in vigore lo Statuto del Contribuente con la Legge n.212 del 27/07/2000, che regola i rapporti tra Amministrazione Finanziaria e Contribuente e che vede nell’art. 12 proprio i diritti di quest’ultimo quando è sottoposto a verifica fiscale.

I diritti del contribuente in occasione della verifica fiscale

Ovviamente la verifica fiscale prevede diritti e obblighi da entrambe le parti per far sì che tutta la fase di verifica avvenga nel modo più chiaro e trasparente possibile. Nello specifico, quelli del contribuente sono:

  • Accertare l’identità dei verificatori mediante la visione dei loro documenti
    • Ricevere copia della lettera di incarico rilasciata dal direttore dell’Ufficio e delle eventuali autorizzazioni del Procuratore della Repubblica
  • Essere informato delle ragioni che hanno giustificato la verifica e dell’oggetto che la riguarda, della facoltà di farsi assistere da un professionista abilitato alla difesa dinanzi agli organi di giustizia tributaria
  • Pretendere (salvo casi eccezionali ed urgenti) che la verifica si svolga durante l’orario ordinario di lavoro e con modalità tali da arrecare minore turbativa possibile allo svolgimento dell’attività

Deve tuttavia consentire l’accesso ai locali dell’attività, consegnare ai verificatori tutta la contabilità e tutta la documentazione relativa necessaria alla verifica ed esibire l’attestazione prevista nell’ipotesi di contabilità tenuta presso altro soggetto.

Durante le varie operazioni, il contribuente inoltre ha diritto a

  • Ricevere giornalmente un esemplare del processo verbale di verifica da sottoscrivere dopo attenta lettura
    • Rilasciare dichiarazioni o osservazioni che devono essere verbalizzate e pretendere un congruo tempo per fornire risposta alle richieste dei verificatori
  • Possibilità di chiedere che l’esame dei documenti amministrativi e contabili avvenga presso l’ufficio dei verificatori o presso il professionista che lo assiste o rappresenta
  • Pretendere (salvo casi di particolare) che la verifica non superi i trenta giorni lavorativi
    • Esigere il rispetto del segreto d’Ufficio sugli elementi acquisiti nel corso della verifica ed in modo particolare che sia assicurata la riservatezza sui dati delle indagini bancarie

Deve in ogni modo custodire la documentazione esaminata dai verificatori e rispondere alle richieste dei verificatori

Al termine della verifica ha diritto a

  • Ricevere un esemplare del processo verbale di constatazione da sottoscrivere dopo attenta lettura con verbalizzazione delle proprie osserva- zioni
  • Comunicare all’ufficio, entro 60 giorni dalla notifica del processo verbale di constatazione, proprie osservazioni e richieste in merito al contenuto del verbale
  • Pretendere che l’ufficio, salvo casi di particolari e motivata urgenza, non emani l’avviso di accertamento prima della scadenza dei 60 giorni dal rilascio del processo verbale di constatazione

La nostra società Seriel, con sede a Vena del Maida in provincia di Catanzaro, è un’agenzia di riscossione tributi nata con l’obiettivo di fornire un supporto ad enti locali nella gestione dell’attività di riscossione tributi grazie ad uno staff di esperti preparati e competenti che opera in questo settore da oltre 30 anni. Siamo un punto di riferimento per la gestione e la riscossione di tributi finanziari e commerciali su tutto il territorio nazionale per conto di imprese, banche, liberi professionisti e non solo. Per ricevere maggiori informazioni sui nostri servizi vi invitiamo a contattarci al numero 0968 77114, compilando il modulo sul nostro sito o inviandoci un’email all’indirizzo serielsrl@virgilio.it

contattaci

SERIEL SRL
SERVIZIO RISCOSSIONI ENTI LOCALI

Via Sant’Andrea 3 – Vena Di Máida
88025 MAIDA (CZ)

Tel. : 0968 – 77114
E-mail. : serielsrl@virgilio.it